Il Seneca Village era un piccolo villaggio nell’isola di Manhattan fondato dai cosiddetti “free blacks” o “free negro”.

Seneca Village è esistito dal 1825 sino al 1857, anno in cui i residenti furono fatti sgomberare per lasciar posto all’attuale Central Park.

Il villaggio era la prima comunità Afro-americana dell’isola di Manhattan, condivisa inoltre con alcune minoranze d’immigranti Irlandesi e Tedeschi (probabilmente anche alcuni nativi americani).

L’estensione territoriale del villaggio era di circa 5 acre (20 000 m2) nel rettangolo delimitato dalla 82th e la 89th strada e 7th e 8th avenue, area ormai interamente occupata da Central Park.

Seneca Village vantava al suo interno la presenza di una propria scuola, 3 chiese (la prima chiesa episcopale africana di Yorkville sorse nel Seneca Village nel 1853) e diversi cimiteri e secondo un censimento del 1885 vivevano circa 264 abitanti; in quel periodo la maggior concentrazione demografica in città era nella zona bassa dell’isola mentre l’area al di sopra della 59th strada era ancora poco edificata.

A oggi non ci è pervenuta alcuna fonte riguardo la zona in cui gli abitanti del Seneca Village si sarebbero trasferiti, ne esiste alcun discendente ancora in vita che possa fornire tali informazioni.

Origini del nome

Esistono a oggi diverse teorie circa la vera origine del nome Seneca Village sebbene non si abbiano fonti certe che ne indichino un’esatta origine:

1-      Una delle teorie associa il nome al filosofo latino Lucio Anneo Seneca, teoria secondo la quale molti Afro-americani attivisti erano soliti leggere alcuni dei suoi scritti;

2-      Un’altra teoria afferma che il nome deriva dal “Seneca Nation”, un gruppo di nativi americani;

3-      Sara Cedar Miller, storica del Central Park Conservancy, elabora l’ipotesi di un nome assegnato con significato denigratorio nei confronti di nativi e neri del luogo;

4-      Altre fonti affermano che il nome Seneca derivi da Senegal, uno stato dell’Africa del quale probabilmente alcuni abitanti del villaggio ne erano originari.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.